L'aldilà...e tu vivrai nel terrore

L'aldilà...e tu vivrai nel terrore
Età media
33
Voto medio
Vota!
Informazioni
Share

Piacea...

Commenti

M@rcello

...e tu vivrai nel terrore! L'Aldilà.

scritto da M@rcello
20 maggio 2008
3
0

Un Lucio Fulci del 1981.

"Ora tu affronterai il mare delle tenebre e ciò che in esso vi è di esplorabile"

Il film che viene considerato da moltissimi fanatici come il capolavoro horror del maestro romano.
Vediamo un po' che ne penso io...
Mi sono ripromesso di guardarlo nuovamente a breve proprio perché, così carico di aspettative per tutto quanto mi era stato riportato, ne sono rimasto solo in parte ammaliato.
Fulci è uno dei registi che più "torna" nella mia videoteca. E per ovvi motivi. Quello che è stato il "terrorista dei generi" ha espresso alcune fra le più affascinanti opere di cinema di genere di tutta la storia del cinema nostrana (ma non solo). Non ci sono mazzi e, manco a frugare a lungo fra i lavori dei registi di ogni parte del globo, è facile trovare cose in grado di intimorire film del calibro di "Una sull'altra", "Non si sevizia un paperino", "Sette note in nero" o "Una lucertola con la pelle di donna". Detto questo il film mi ha da subito lasciato un po' perplesso, oltrechè per gli immancabili buchi di sceneggiatura, anche per una certa approssimazione della messa in scena. I difetti ci sono eccome (parliamo sempre di cinema fatto con budget ristretti) ma è altresì vero che del valore ce n'è ben spalmato lungo tutto il corso della pellicola.
La chiusura del film è assolutamente notevole per la maniera con cui rappresenta il terrore assoluto attraverso il nulla. Ma ci sono anche altri momenti che rimarranno impressi.
Dal punto di vista squisitamente filmico la sequenza della strada - l'auto che arriva e l'apparizione della ragazza cieca col cane - è quanto di più cinefilo abbia mai visto.

Anche se non uno dei miei preferiti del maestro romano, di sicuro uno dei migliori horror italiani di sempre.

Aprite pure i vostri occhi sulle porte dell'inferno....

P.S.
Il film fu censurato negli Stati Uniti fino alla fine dei novanta quando Tarantino riuscì a proiettarlo "uncut" in alcuni show notturni in città selezionate.
Una sequenza di questo film è stata usata nella sequenza dell'incubo in Spider Man di Raimi.

You need to register or login to write a comment. Registrati / login